Patologie

Neoplasie dell’occhio

Tumori oculari

Le numerose forme tumorali che possono colpire l’occhio, sia maligne che benigne, primarie o metastatiche, sono classificabili in base alla zona dell’occhio in cui si manifestano: intraoculari, quando sono localizzati nell’uvea, la tonaca vascolare dell’occhio, e nella retina, il tessuto nervoso, congiuntivali quando investono la congiuntiva, la mucosa trasparente che ricopre la superficie interna delle palpebre e la superficie anteriore del bulbo, ed infine orbitari, quando si formano nella cavità che ospita il bulbo.

Il percorso clinico e diagnostico comprende varie tappe per valutare cause, sviluppo e decorso della patologia e valutare l’approccio terapeutico più indicato.

L’accurata anamnesi familiare aiuta ad individuare eventuali diagnosi tumorali nella famiglia del paziente; l’anamnesi generale indaga sullo stato di salute generale, alla ricerca di eventuali fattori di rischio.

L’esame del paziente prevede il completo esame oftalmologico:

misurazione dell’acuità visiva, misurazione della pressione endoculare, esame del segmento anteriore per osservare lo stato della superficie congiuntivale alla ricerca di lesioni sospette, per valutare la trasparenza della cornea, l’angolo irido-corneale, il colore e la struttura dell’iride, esame del segmento posteriore con dilatazione per analizzare il fondo oculare.

Le ulteriori indagini strumentali consistono nella fotografia del segmento anteriore e/o posteriore con il biomicroscopio e il retinografo, fondamentale per valutare l’evoluzione della lesione e la risposta alla terapia, l’ecografia oculare, la tomografia a coerenza ottica (OCT), e l’angio OCT, indagini neuroradiologiche (TC e RMN) nei casi delle neoformazioni orbitarie.

Tra i tumori intraoculari le forme maligne più diffuse sono il melanoma coroideale e le metastasi coroideali nell’adulto, ed il retinoblastoma nel bambino.

Il melanoma coroideale è un tumore primario si sviluppa generalmente in forma asintomatica. Il trattamento conservativo con radioterapia dà esiti favorevoli nella maggior parte dei casi, ma in presenza di lesioni estese si deve procedere alla enucleazione del bulbo oculare. Tale neoplasia rimane tuttora una patologia potenzialmente mortale, con un rischio di formazione di metastasi a 10 anni di circa il 50%.

Le metastasi coroideali si presentano frequentemente nei pazienti in fase avanzata della malattia tumorale.

Il retinoblastoma è la più comune neoplasia intraoculare dell’età pediatrica. L’età media della diagnosi è di 12 mesi per le forme unilaterali e 24 per quelle bilaterali. Si manifesta nella maggior parte dei casi con leucocoria, cioè un riflesso bianco pupillare, o strabismo. La chemioterapia associata a trattamenti focali di consolidamento (termoterapia, crioterapia, brachiterapia) o più recentemente alla chemioterapia intra-arteriosa e la termochemioterapia costituiscono il trattamento terapeutico standard, che permette di ridurre la lesione. In presenza di una neoplasia localmente avanzata si deve ricorrere alla enucleazione del bulbo.

Tra i tumori benigni intraoculari ricordiamo quelli vascolari, di cui il più frequente è l’emangioma della coroide. I sintomi sentinella sono il calo dell’acuità visiva e la visione deformata delle immagini o metamorfopsia. Il trattamento oggi più utilizzato è la terapia fotodinamica.

Tra i tumori congiuntivali, le forme più diffuse sono quelle benigne, come il papilloma, le cisti epiteliali, i nevi congiutivali.

Neoplasia squamosa della superficie oculare o corneo-congiuntivale è la definizione con cui si indicano tutte le lesioni precancerose e cancerose che si manifestano su congiuntiva e cornea: displasia epiteliale semplice, carcinoma in situ e carcinoma a cellule squamose. La terapia standard è un’ampia escissione chirurgica associata a crioterapia del letto chirurgico e ricostruzione del piano congiuntivale. È recentemente stato introdotto l’utilizzo di antimetaboliti topici (chemioterapia in gocce), sia in associazione alla chirurgia che come terapia singola.

Il melanoma congiuntivale è un raro tumore maligno della congiuntiva. La scelta terapeutica dipende dalle dimensioni e dalla localizzazione del melanoma. Nei melanomi di piccole dimensioni e localizzati in sedi favorevoli è sufficiente una ampia resezione chirurgica, eventualmente associata alla chemioterapia topica e a brachiterapia del letto chirurgico, mentre nei casi di melanomi di grandi dimensioni o situati in sedi sfavorevoli o di grandi dimensioni, l’intervento chirurgico è più radicale.

I tumori dell’orbita sono forme neoplastiche, di natura benigna o maligna, classificabili in base alla zona colpita. Si distinguono in tumori neurogenici, mesenchimali, vascolari, epiteliali della ghiandola lacrimale, lesioni linfoproliferative, tumori secondari e metastasi.

In Patologie:

Sindrome dell’Occhio Secco

Trattamento laser della neovascolarizzazione Sindrome da disfunzione del film lacrimale La Sindrome dell’occhio secco è una malattia multifattoriale della superficie oculare (palpebre, ghiandole lacrimali, congiuntiva, cornea, ghiandole di Meibomio, nervi sensoriali e motori)...

Approfondisci >>

Cheratocono

Deformazione della cornea Cheratocono Il cheratocono è una malattia cronica e degenerativa della cornea, caratterizzata dal progressivo assottigliamento e sfiancamento del suo tessuto connettivo o stroma. Perdendo rigidità e resistenza, la...

Approfondisci >>

Tumori dell’occhio

Neoplasie dell’occhio Tumori oculari Le numerose forme tumorali che possono colpire l’occhio, sia maligne che benigne, primarie o metastatiche, sono classificabili in base alla zona dell’occhio in cui si manifestano: intraoculari,...

Approfondisci >>

Degenerazione maculare legata all’età

Patologia della macula Degenerazione maculare legata all’età La degenerazione maculare legata all’età (DMLE) è una malattia molto diffusa e nei paesi industrializzati costituisce la maggiore causa di cecità nei pazienti anziani. È una...

Approfondisci >>

Difetti della vista

Miopia, ipermetropia, presbiopia, astigmatismo Difetti della vista I difetti della vista consistono nell’alterazione della refrazione, causata da piccole imperfezioni anatomiche della cornea o del bulbo oculare: i raggi luminosi che entrano...

Approfondisci >>

Cataratta

Opacizzazione del cristallino Cataratta La cataratta è una patologia molto comune dovuta alla perdita di trasparenza del cristallino, la lente biconvessa posta all’interno del bulbo oculare consente di mettere a fuoco...

Approfondisci >>

Distacco della retina

La struttura funzionale più importante dell’apparato visivo Distacco della retina Il distacco di retina rappresenta uno degli eventi più seri ed urgenti per l’occhio e la vista, da trattare chirurgicamente al...

Approfondisci >>

Richiedi Informazioni:

ContattiCASA DI CURA SANDOMENICO

La segreteria risponde dal :
lunedì al venerdì ore 08:00 alle 20:00